Residenza Le Case del Sole
a Tavazzano (LO). Il piacere
di tornare a casa
Entra per maggiori informazioni...
Residenza Gli Antichi Ulivi
a Vigevano (PV). A misura
della tua indipendenza

Entra per maggiori informazioni...
 
Tutti i nostri cantieri


Utilità

Notizie e curiosità
dal mondo dell'edilizia


• La certificazione energetica
• Scopriamo i pannelli radianti


Contatti

Via S.Cremonesi, 4
26900 Lodi
Tel. 0371.416327
info@lapco.it

 

 

La certificazione energetica degli edifici

L’attestato di Certificazione Energetica

L'attestato è un documento ufficiale, valido 10 anni, prodotto da un certificatore energetico accreditato e dai diversi organismi riconosciuti a livello locale e regionale. La sua utilità al momento ha due scopi di utilizzo principali:

• per il rogito: L'Attestato di Certificazione energetica è indispensabile per tutti gli atti notarili di compravendita di ogni singolo immobile dal 1 luglio 2009 e dal 1 luglio 2010 anche per gli atti di locazione.
• per l'accesso alle detrazioni del 55% sul reddito IRPEF: l'attestato energetico fa parte della documentazione necessaria all'ottenimento degli sgravi fiscali.

L'attestato energetico o “Attestato di Certificazione Energetica” è il documento che stabilisce in valore assoluto il livello di consumo dell'immobile inserendolo in una apposita classe di appartenenza. Più è bassa la lettera associata all'immobile e minore è il suo consumo in termini energetici.

L’Attestato di Certificazione Energetica viene redatto in conformità delle Linee Guida emanate col decreto ministeriale del 26 giugno 2009 che introduce su tutto il territorio nazionale la Certificazione Energetica degli edifici, in particolare la normativa si applica a quelle regioni che non hanno ancora una propria legislazione. Nelle Regioni che invece hanno approvato apposita normativa (es Lombardia, Liguria, Piemonte, Emilia-Romagna ecc.) si applicano le disposizioni regionali.

Gli obiettivi della certificazione energetica degli edifici

• Migliorare la trasparenza del mercato immobiliare fornendo agli acquirenti ed ai locatari di immobili un’informazione oggettiva e trasparente delle caratteristiche (e delle spese) energetiche dell’immobile.
• Informare e rendere coscienti i proprietari degli immobili del costo energetico legato alla conduzione del proprio “sistema edilizio” in modo da incoraggiare interventi migliorativi dell’efficienza energetica della propria abitazione.
• La certificazione consente agli interessati di pretendere dal fornitore (venditore) di un immobile informazioni affidabili sui costi di conduzione.
• L’acquirente deve poter valutare se gli conviene o no spendere di più per un prodotto migliore dal punto di vista della gestione e manutenzione.
• Anche i produttori ed i progettisti possono confrontarsi in tema di qualità edilizia offerta.
• I proprietari che apportano miglioramenti energetici importanti ma poco visibili, come isolamenti di muri, tetti, etc, possono veder riconosciuti i loro investimenti.

Da dove nasce la certificazione energetica

La certificazione energetica è una procedura regolata a livello europeo da due direttive, 2002/91/CE e 2006/32/CE. La prima direttiva ha come obiettivi:

• La diminuzione del 22% dei consumi energetici comunitari entro il 2010
• L’ottenimento di un risparmio di energia primaria pari a 55 milioni di tep (tonnellate equivalenti di petrolio)
• La riduzione delle emissioni di CO2 di un valore pari a 100 milioni di tonnellate
• L’introduzione di nuovi standard progettuali

Invece, la direttiva 2006/32/CE (recepita a livello nazionale dalla 115/2006 che introduce le UNI TS 11300) ha l'obiettivo di ridurre i consumi del 9% e, quindi, migliorare l'efficienza degli usi finali di energia sotto il profilo costi/benefici negli stati membri.

Entrambe le direttive richiedono agli stati membri europei di provvedere affinché gli edifici di nuova costruzione e gli edifici esistenti che subiscono ristrutturazioni importanti, soddisfino requisiti minimi di rendimento energetico, cioè se “la quantità di energia effettivamente consumata o che si prevede possa essere necessaria per soddisfare i vari bisogni connessi ad un uso standard dell’edificio, compresi, fra gli altri, il riscaldamento e il raffreddamento”.

 

 

 

Lapco Srl - Impresa di costruzioni civili e industriali - P.IVA 02990860963